Perché il processo di aromatizzazione è comune nel bodybuilding?

Perché il processo di aromatizzazione è comune nel bodybuilding? Scopri perché il processo di aromatizzazione è comune nel mondo del bodybuilding. Spiegheremo in dettaglio qui, quindi continua a leggere.

Perché il processo di aromatizzazione è diffuso nel bodybuilding?

Spiega perché il processo di aromatizzazione è comune nel mondo del bodybuilding, spingendoci a parlare di testosterone. il testosterone è un substrato utilizzato nel corpo maschile per la sintesi degli estrogeni (estradiolo). Il principale ormone sessuale femminile. Sebbene la presenza di estrogeni possa sembrare alquanto insolita negli uomini, è strutturalmente molto simile al testosterone.

Con un leggero cambiamento nell’enzima aromatasi, gli estrogeni si formano nel corpo maschile. L’attività dell’aromatasi si manifesta in una o più aree del corpo maschile. Compresi i tessuti adiposi, epatici, gonadici, del sistema nervoso centrale e dei muscoli scheletrici.

Nel contesto di una persona sana media. La quantità di estrogeni prodotta di solito non ha un effetto significativo sullo stato del corpo e può anche essere utile in termini di livelli di colesterolo. Ma in grandi quantità, può causare molti effetti indesiderati.

Compresi: ritenzione idrica, sviluppo del tessuto mammario femminile (ginecomastia) e accumulo di grasso corporeo. Per questo motivo, molti si concentrano sulla riduzione al minimo dell’attività degli estrogeni nel corpo con inibitori dell’aromatasi come Armidex e Cytadren o antiestrogeni come Clomid o Nolvadex. Soprattutto quando la ginecomastia è un problema o si cerca la definizione muscolare.

Vantaggi degli estrogeni

Non dovremmo lasciarci trasportare e pensare che gli estrogeni non stiano facendo nulla di buono. In molti casi è davvero un ormone desiderabile. Gli atleti sanno da anni che gli steroidi estrogenici sono i migliori costruttori di massa. Ma sono passati solo pochi anni da quando abbiamo compreso i meccanismi con cui funziona.

Ovviamente, con questo ormone, le cause vanno oltre i semplici aumenti di dimensioni, peso e forza che potrebbero essere attribuiti alla ritenzione idrica correlata agli estrogeni. In effetti, ha un effetto diretto sul processo anabolico.

Ciò si manifesta in un aumento del consumo di glucosio, della secrezione dell’ormone della crescita e della proliferazione dei recettori degli androgeni. E questa è una delle risposte principali alla domanda Perché il processo di aromatizzazione è diffuso nel bodybuilding.

Uso glucosio ed estrogeni

Gli estrogeni possono essere molto importanti nel promuovere lo stato anabolico; che influenzano l’uso del glucosio nel tessuto muscolare. Lo fa alterando il livello di glucosio-6-fosfato deidrogenasi; un enzima direttamente collegato all’uso del glucosio per la crescita e la riparazione del tessuto muscolare.

In particolare, G6PD è una parte vitale del processo del pentoso fosfato. È fondamentale per determinare la velocità con cui gli acidi nucleici e i lipidi devono essere sintetizzati nelle cellule per la riparazione dei tessuti.

Durante il periodo di rigenerazione, dopo un danno ai muscoli scheletrici, il livello di G6PD aumenta notevolmente. Si ritiene che questo sia un meccanismo per il corpo a riparare se stesso quando necessario. Ma abbiamo scoperto che l’estrogeno è direttamente correlato al livello di G6PD che sarà disponibile per le cellule in questa finestra o durante il periodo di recupero.

La relazione tra estrogeni e G6PD

Studi hanno dimostrato che i livelli di glucosio-6-fosfato deidrogenasi aumentano dopo la somministrazione di propionato di testosterone. Ma l’aromatizzazione del testosterone in estradiolo è responsabile di questo aumento e non dell’effetto androgeno stesso.

Gli steroidi non aromatizzanti (diidrotestosterone e fluoxymesterone) sono stati testati in combinazione con il testosterone, ma non sono stati in grado di duplicare gli effetti di questo ormone. Inoltre, gli effetti benefici del propionato di testosterone sono stati bloccati dall’aggiunta dell’inibitore dell’aromatasi 4-idrossiandrostenedione.

Mentre la somministrazione esclusiva di 17-beta-estradiolo ha causato lo stesso aumento di G6PD del testosterone propionato. L’isomero estrogeno inattivo 17-alfa-estradiolo, che non è in grado di legarsi al recettore degli estrogeni; Inoltre ha fallito e non è riuscito a fare nulla.

Hanno usato il propionato di testosterone e l’antiandrogeno flutamide. Questi test hanno dimostrato che anche questo farmaco non blocca gli effetti positivi del testosterone. Metti in chiaro che si tratta di un effetto recettore degli androgeni indipendente.

Estrogeni e ormone della crescita GH / IGF-1

Gli estrogeni possono anche svolgere un ruolo importante nella produzione dell’ormone della crescita e dell’IGF-1. IGF-1 (fattore di crescita simile all’insulina). È un ormone anabolico che viene rilasciato nel fegato e in vari tessuti periferici stimolando l’ormone della crescita. IGF-1 è responsabile dell’attività anabolica dell’ormone della crescita. Man mano che la ritenzione di azoto e la sintesi proteica aumentano e l’iperplasia (proliferazione) cellulare aumenta.

Uno dei primi studi a questo proposito ha esaminato l’effetto dell’antiestrogeno tamoxifene sui livelli di IGF-1, dimostrando che è soppressivo. Un secondo studio del 1993 ha esaminato l’effetto della terapia sostitutiva a base di solo testosterone sui livelli di GH e IGF-1 e li ho confrontati con gli effetti del testosterone in combinazione con il tamoxifene.

Con l’introduzione del tamoxifene, i livelli di GH e IGF-1 sono diminuiti notevolmente. Sebbene entrambi i valori siano stati aumentati con la somministrazione di testosterone enantato. Un altro studio ha rilevato che 300 mg. il testosterone enantato settimanale causa un leggero aumento dell’IGF-1 negli uomini normali.

Ecco 300 mg. l’estere del testosterone ha causato un aumento dei livelli di estradiolo. Quale è prevedibile a una tale dose. Questo è stato confrontato con l’effetto della stessa dose di nandrolone decanoato. Tuttavia, questo steroide non è stato in grado di produrre lo stesso aumento. Questo risultato è interessante, soprattutto quando abbiamo notato che i livelli di estrogeni sono effettivamente diminuiti con la somministrazione di questo steroide.

Un altro ha dimostrato che la secrezione di GH e IGF-1 aumenta con la somministrazione di testosterone negli uomini con pubertà ritardata, mentre il diidrotestosterone (non aromatizzabile) sembra sopprimere la secrezione di GH e IGF-1.

Recettore per estrogeni e androgeni

È stato anche dimostrato che gli estrogeni aumentano la concentrazione dei recettori degli androgeni in alcuni tessuti. Ciò è stato dimostrato in studi sui ratti in cui hanno studiato gli effetti degli estrogeni sui recettori degli androgeni a livello cellulare in animali che hanno ricevuto “orchiectomia” (rimozione dei testicoli, spesso eseguita per ridurre la produzione di androgeni endogeni). Secondo la ricerca.

La somministrazione di estrogeni ha determinato un notevole aumento del 480% del legame del metiltrienolone (un potente androgeno orale spesso usato come riferimento per determinare l’attività di legame del recettore negli studi) nel muscolo elevatore dell’ano. La spiegazione proposta è che gli estrogeni devono o direttamente stimolare la produzione del recettore degli androgeni o possibilmente ridurre il tasso di fallimento del recettore.

Sebbene la crescita del muscolo animale “levator ani” sia comunemente usata come riferimento per l’attività anabolica dei composti steroidei, è certamente un muscolo genitale ed è distinto dal tessuto muscolare scheletrico. Questo tipo di muscolo ha una concentrazione molto più alta di recettori degli androgeni. Questo studio ha anche identificato gli effetti degli estrogeni sul tessuto muscolare a rapida regolazione.

In particolare, la tibia anteriore e il muscolo estensore lungo. Ma lo stesso risultato non è stato osservato come con il “levator ani”. Anche se a prima vista questo è scoraggiante. Il fatto che gli estrogeni possono aumentare il legame dei recettori degli androgeni in qualsiasi tessuto; questa rimane una scoperta estremamente importante. Soprattutto perché ora sappiamo che gli androgeni hanno alcuni effetti positivi al di fuori del tessuto muscolare.

Antiestrogeni e l’atleta

Quindi cosa significa questo per un bodybuilder che vuole ottenere una taglia ottimale? Vi è una chiara necessità per l’uso di antiestrogeni a causa del verificarsi di effetti collaterali estrogenici. Devono quindi essere utilizzati, oppure i farmaci iniettati devono essere sostituiti con composti non estrogenici.

La ginecomastia è certamente un problema indesiderato per i consumatori di steroidi, così come il marcato aumento della massa grassa. Ma se questi problemi non si verificano, l’aggiunta di estrogeni dal ciclo del testosterone o Dianabol, ad esempio, potrebbe effettivamente aiutare a costruire la massa muscolare.

Una persona sicura o non predisposta a questi effetti collaterali potrebbe quindi voler evitare o posticipare l’uso di farmaci a supporto degli estrogeni. Per ottenere la massima crescita muscolare possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *